CON SAN MICHELE SUL CAMMINO DI CAMMINI

Una linea dritta attraverso l’Europa ed il Mediterraneo che, passando da Tortona, tocca eremi e chiese in Irlanda Cornovaglia, Mont Saint Michel, la Sacra di San Michele, la Grotta dell’Arcangelo sul Gargano, l’isola di Simi nell’Egeo, e finalmente il Monte Carmelo tra Haifa e Gerusalemme.
L’hanno immaginata i mistici medievali pensando al colpo di spada che ha ricacciato il diavolo nell’Inferno. A brandire la spada l’Arcangelo Michele comandante delle schiere celesti. Da 15 secoli San Michele è il protettore dei pellegrini ed a quella grotta sul Gargano i pellegrini sono arrivati a frotte, devoti, ben prima del pellegrinaggio a Santiago de Compostela. Ovunque le Vie Micaeliche collegavano i luoghi dedicati all’Arcangelo ai percorsi più importanti e per secoli i penitenti hanno dimostrato la loro devozione al Vincitore del Male camminando sulle sue vie, fin dai Longobardi che per primi scesero per percorsi già battuti dagli Etruschi e sui resti delle strade romane.
Tra le tante Vie Micaeliche – tutte interessanti e molte da rivalutare – il Comitato Promotore San Michele un Cammino di Cammini ha scelto un percorso che per rilevanza storica e immediata praticabilità possa essere il Cammino di San Michele, un Cammino fatto di tanti Cammini per la maggior parte già percorribili: dai Tratturi del Molise alle Vie storiche della Ciociaria fino al Castel Sant’Angelo in Roma e poi ancora verso nord a 30 km dal mare lungo una Consolare poco conosciuta come la Antica Via Clodia tra Tuscia Laziale e Maremma Toscana ( Tuscania Farnese Sovana Saturnia) arrivando a Roselle in vista di Grosseto e poi la Via delle Città Etrusche, Massa Marittima Volterra Lucca. Infine per Garfagnana e Lunigiana fino a Pontremoli con la Via Del Volto Santo e la Via degli
Abati fino a Bobbio. È da Bobbio che il progetto del Cammino dei Cammini ha individuato una nuova via che sulle tracce dei Malaspina, signori degli Appennini, arriva a Tortona.

60 Km in 3 province di 3 regioni: Emilia Lombardia Piemonte. E con l’aiuto di una sentiero del CAI (il Superga Vezzolano Crea) attraverso il Monferrato si arriva a Torino. Poi la Sacra di San Michele, all’inizio della Val di Susa, Novalesa il Moncenisio e la Francia fino a Mont Saint Michel.
Il percorso italiano è di 1450 km tra i più lunghi e suggestivi itinerari tra le Cultural Routes of the Council of Europe. Nel cui novero dovrà entrare quanto prima. E questo avverrà appena sarà completato questo passaggio a Nord Ovest attraverso la Via dei Malaspina ed il Monferrato.
Il Comitato Promotore ha perciò concentrato la sua attività per la realizzazione del tracciato in GPS raccogliendo le più attive realtà associative locali che stavano lavorando intorno al progetto ed in un anno è stato scelto il percorso definitivo, mobilitati gli enti locali, le Province e le comunità Montane. A maggio è stato firmato un Protocollo tra un primo gruppo di Enti e associazioni a cui si uniranno a breve le altre realtà territoriali.
Ciascuna resterà garante e custode del suo tratto.

Presidente del Comitato Promotore San Michele Cammino di Cammini è Sandro Vannucci, giornalista e conduttore televisivo.

L’articolo su Oltre  n° 178 Luglio Agosto 2019

Conferenza  Stampa del 10 settembre a Tortona
Sandro Vannucci presenta le manifestazioni inaugurali del 22 e 28 settembre 2019 Cammino di San Michele

Numerosi i presenti a rappresentare le varie istanze che contribuiscono al progetto. Ha esordito il Sindaco di Tortona Federico Chiodi con la conferma dell’impegno del Comune alla realizzazione del progetto che prevede anche una ciclabile tra Tortona e Viguzzolo.  Ha poi preso la parola Sandro Vannucci Presidente del Comitato Promotore San Michele Cammino di Cammini che ha illustrato sia il Progetto nazionale ed internazionale del Cammino di San Michele e delle sue parti come la via Dei Malaspina tra Tortona e Bobbio ultimo tratto da completare del percorso di 1480 km dalla Sacra di San Michele in Val di Susa alla Grotta di Montesantangelo sul Gargano passando da Castel Sant’Angelo in Roma.
Poi é  intervenuto Don Paolo Padrini, segretario del Vescovo di Tortona, confermando il grande interesse della Diocesi per un percorso di pellegrinaggio che attraversa il suo territorio che arriva fino a Varzi con numerose e importanti riferimenti all’Arcangelo Michele. È poi intervenuto per la Provincia di Alessandria l’ing. Claudio Coffano dirigente del Settore Ambiente.
Sono stati citati i comuni interessati come Viguzzolo presente con l’assessore Elena Tranquilli e il Sindaco di Monleale Paola Massa. Non erano presenti ma sono stati citati il sindaco di Volpedo, di Cecima, di Bagnaria e di Bobbio Roberto Pasquali. È poi intervenuto in rappresentanza del Sindaco di Varzi Giovanni Palli, il Vicesindaco Luigi Antoninetti che ha portato anche il saluto di Varzi Viva, assicurando  tutto l’impegno del Comune per la ripulitura del percorso ed il successo della manifestazione.
Infine sono state ringraziate le tante associazioni presenti e le poche assenti che partecipano all’iniziativa :
La Strada del Vino e dei Sapori dei Colli Tortonesi col suo Presidente Walter Massa
AZALAI col suo Presidente Francesco Galanzino con camminatori e runner
Doorway con Eugenio Bozza che riunisce numerose associazioni
La Fraterna di Viguzzolo con Carlo Castaldi
L’associazione Pellizza da Volpedo con Aurora Scotti
Varzi Viva e Tarhas Rothas di Varzi
Gli Amici di  San Colombano di Bobbio
I Cartografi Giovanni Lombardi e Michele Soffiantini 
Claudio Gnoli che organizza l’accoglienza a Volpedo
CAI di Tortona col Pres Ezio Giuncato e Giacomo Segherio
CAI di Alessandria e di Voghera
Gli organizzatori delle  ēbike
Stefano Guatelli di Ebikeawerness 
Roberto Mangiacavallo di Oltreebike di Voghera
Infine i due Sponsor
Entsorga di Gianfrancesco Galanzino
La Strada del Vino e dei Sapori Colli Tortonesi
In conclusione il Sindaco Chiodi ha ribadito l’impegno a proseguire il percorso iniziato anche dopo la manifestazione per ottenere a breve il riconoscimento del Cammino di San Michele e della Via dei Malaspina da parte delle Regioni ed in campo nazionale ed internazionale. Ha assicurato infine la partecipazione del Comune di Tortona al Comitato Promotore San Michele Cammino di Cammini anche con l’ampliamento ai soggetti interessati del Protocollo per la realizzazione della Via Dei Malaspina.
Sandro Vannucci ha dato appuntamento a tutti per il 22 e 28 settembre e per le successive fasi di realizzazione del Cammino di San Michele e della Via Dei Malaspina.